Cosa fare se il tergicristallo non funziona?

Cosa fare se il tergicristallo non funziona?

problemi tergicristalli

Quali sono i motivi per cui un tergicristallo non funziona? Il malfunzionamento di un tergicristallo può essere dovuto a svariate problematiche. Alcune di esse sono di tipo elettrico o meccanico, altre di tipo ambientale. Cerchiamo di evidenziare, in questo articolo, i principali motivi per cui un tergicristallo non funziona.

Tergicristalli rumorosi

Probabilmente il più comune malfunzionamento dei tergicristalli è legato al fastidioso e ripetitivo rumore che le spazzole fanno quando il motorino è in azione. Due possono essere le cause di questo problema: una quantità eccessiva di sporco o lo stato di integrità della spazzola. Nel primo caso, al fine di risolvere il problema, è sufficiente procedere ad una accurata pulizia del parabrezza e delle spazzole. Può capitare infatti che – parcheggiando all’aperto – il lunotto anteriore si sporchi di sostanze particolarmente appiccicose, come ad esempio le resine degli alberi. Oltre ad attrarre esse stesse lo sporco, queste chiazze – se pur piccole – possono a loro volta imbrattare la superficie delle spazzole, le quali faranno fatica a scorrere sul vetro e genereranno pertanto quel fastidioso rumore. Con i detergenti e i panni giusti, il problema può essere facilmente risolto.

Gommino delle spazzole rovinato

Altro caso è quello del gommino delle spazzole rovinato: tagliato o indurito. La semplice usura del tempo, così come particolari eccessi di temperatura – troppo caldo o troppo freddo – possono provocare rotture o irrigidimenti di questo delicato dispositivo. In tal caso sarà necessario sostituire le spazzole. I costi di quest’operazione, che può essere compiuta anche da soli, sono piuttosto limitati: mediamente, la spesa si aggira sui venti euro.

Tergicristalli bloccati

Un ulteriore inconveniente che può capitare è il blocco – temporaneo o totale – dei tergicristalli. Se il tergicristallo non funziona per questo motivo, è molto probabile che il problema sia di tipo elettronico o meccanico. Il dispositivo che fa muovere il braccio è infatti dotato di un motorino elettronico che, talvolta, può rompersi ed è quindi necessario sostituirlo. Un malfunzionamento simile può coinvolgere anche il relé, un piccolo dispositivo elettromeccanico che controlla l’attivazione e la velocità delle spazzole. Anche in questo caso è opportuno sostituire il pezzo. A bruciarsi però può essere anche il fusibile del tergicristallo: si tratta del dispositivo elettrico responsabile dell’attivazione del motorino.

Misure tergicristallo: occhio a non sbagliare

Una cosa che non tutti sanno è che i tergicristalli non sono tutti uguali. La prima, più evidente differenza è quella tra i tergicristalli anteriori (generalmente due) e posteriori (in genere uno solo). Va da sé che è facilmente intuibile come questi dispositivi siano diversi: anche sostituendoli da soli è praticamente impossibile sbagliare. Altro invece è il caso dei tergicristalli anteriori. Innanzitutto perché le misure variano da veicolo a veicolo, a seconda della dimensione del parabrezza. Inoltre, per motivi legati al movimento semisferico delle braccia, anche tra di essi le dimensioni possono essere diverse. Va infatti considerato che il tergicristallo lato guidatore è quasi sempre più grande rispetto a quello lato passeggero. Le misure e le differenze tra le due braccia variano parecchio da un modello di auto ad un altro. Risulta pertanto molto importante non sbagliare nella scelta dei tergicristalli, se si ha intenzione di montarli da soli. Se la misura non è corretta, infatti, il tergicristallo non funziona come dovrebbe.

visite 233, 1 oggi