Ecotassa auto 2021 le novità e cosa fare per pagare

ecotassa auto 2021 novita

Ecotassa auto 2021 significato

L’ecotassa auto 2021 è una tassazione che riguarda alcune tipologie di veicoli immatricolati nel 2021. Questa tassazione che è stata introdotta dal governo nel 2019,  tiene conto dei valori di emissione di CO2 e riguarda solo le vetture di nuova immatricolazione e che inquinano maggiormente.

La tassazione non si applica per i veicoli già circolanti  e immatricolati in precedenza.

In pratica è una tassa introdotta a discapito di quelle vetture che hanno un più alto valore di emissioni di C02.   A partire dal 1 gennaio 2021  per il pagamento dell’ecotassa auto 2021  le emissioni di C02 comunque sono valutate in base al ciclo di omologazione WLTP e non più sul vecchio ciclo NEDC ( se non importati dall’estero).

 Che cosa è il ciclo WLTP

Il WLTP ( Worldwide armonized Light-Duty vehicles Test Procedure ) indica un metodo di misurazione per il rilevamento dei consumi e delle emissioni di gas di scarico. I risultati dei test sono gestiti dalla legislazione dell’UE  e pertanto sono validi a livello mondiale con le stesse condizioni da tutte le case automobilistiche.

Il ciclo WLTP è comunque divenuto obbligatorio da settembre 2017 e a partire dal 1 settembre 2018 per le auto di nuova immatricolazione.

Che cos’è il ciclo NEDC

Il NEDC (New European Driving Cicle) è stato introdotto nel 1992 dall’Unione Europea per misurare i consumi e le emissioni dei gas di scarico per le autovetture e i veicoli commerciali leggeri.

I risultati sono indicati nel certificato di conformità del veicolo, quel documento che è allegato ad ogni veicolo nuovo e che serve alla fine per poter procedere all’immatricolazione del mezzo.

Qualora il veicolo sia stato testato con la procedura WLTP sulla dichiarazione di conformità saranno riportati anche i valori del NEDC , valori essenziali per poter stabilire il limite di soglia fissato per l’applicazione  dell’ecotassa.

Ecotassa auto 2021 quali sono gli importi

L’ecotassa auto 2021 è stabilita in base al livello di emissioni di C02 . Mentre prima i valori erano quelli stabiliti dal NEDC a partire dal 1 gennaio 2021 il valore di g/Km di CO2 delle auto che è indicato sulla dichiarazione di conformità del veicolo e nel libretto di circolazione è stabilito secondo il ciclo di prova WLTP.

Non essendo pertanto più calcolato secondo i dati del NEDC si è reso necessario un adeguamento dei limiti dei livelli di emissioni di CO2. Fino al 31 dicembre 2020 il limite minimo fissato era di 160 g/Km.

Per il 2021 in base alle nuove procedure il pagamento dell’ecotassa scatta per le vetture con livello di emissione superiore a 190 g/Km. 

Le vetture con livello di emissione da 161 g/Km fino a 190 g/Km sono escluse dal pagamento dell’ ecotassa auto 2021.

Ecco, in conclusione, gli importi da versare per l’ecotassa auto 2021

  • da 191 a 210 g/Km  1100€
  • da 211 a 240 g/Km  1600€
  • da 241 a 290 g/Km  2000€
  • da 291 g/Km in poi  2500€

Ecotassa auto 2021 come e quando pagarla

L’ecotassa auto 2021 deve essere pagata dall’acquirente del veicolo.

Il modello da utilizzare è il modello F24 Elide dove bisogna inserire il codice tributo 3500 “ECOTASSA – imposta per l’acquisto e l’immatricolazione in Italia di veicoli di categoria M1 con emissioni eccedenti la soglia di 160 CO2 g/km – articolo 1, comma 1042, della legge n. 145 del 2018”

In breve, leggi qui le istruzioni sulla compilazione del modelle F24 Elide.

Elenco delle auto che pagano l’ecotassa

Le auto di nuova immatricolazione che rientrano nei criteri stabiliti dal governo pagano l’ecotassa mentre le auto usate o le vetture a Km. zero non sono tenute al pagamento della tassa.

Particolare attenzione meritano invece le auto importate dall’estero.

Poichè le auto estere devono essere registrate in Italia se i livelli di emissione di CO2 rientrano tra i valori stabiliti dal governo le vetture sono soggette al pagamento della tassa.

Ecco in elenco la lista delle auto che sono tenute al pagamento dell’ecotassa.

  • Alfa Romeo – Giulia, Stelvio
  • Aston Martin – DB11 Coupé, DB11 Volante, DBS Superleggera, DBX, Vantage
  • Audi – A8, Q7, Q8, R8 Coupé e Spyder, RS3 Sedan, RS4 Avant, RS5 Coupé e Sportback, RS6 Avant, RS7 Sportback, RS Q3 Coupé e Sportback, RS Q8, S8, SQ7, SQ8
  • Bentley – Bentayga, Mulsanne
  • BMW – M2 Coupé, M3 Berlina, M4 Coupé, M5 Berlina, M8 Cabrio, Coupé e Gran Coupé, Serie 5, Serie 7, Serie 8 Cabrio, Coupé e Gran Coupé, X3 M, X4 M, X5 M, X6, X6 M, X7
  • Cadillac – XT4
  • Ferrari – 812 GTS e Superfast, GTC4 Lusso, Portofino
  • Ford – Mustang Coupé e Convertible
  • Honda – NSX
  • Jaguar – E-Pace, F-Pace, F-Type Coupé e Convertible, XJ
  • Jeep – Grand Cherokee, Wrangler, Wrangler Unlimited
  • KIA – Stinger
  • Lada – 4x4M
  • Lamborghini – Aventador, Huracán
  • Land Rover – Defender 90, Defender 110, Discovery, Range Rover, Range Rover Sport e Range Rover Velar
  • Lexus – LC Hybrid, RC Hybrid
  • Lotus – Evora, Exige
  • Mahindra – XUV500
  • Maserati – Ghibli, Levante, Quattroporte
  • McLaren – 540C, 570GT, 570S e 570S Spider, 720S
  • Mercedes – AMG GT e AMG GT Roadster, AMG GT4 Coupé, Classe C Berlina, Cabrio, Coupé e Station Wagon, Classe E Berlina, Cabrio, Coupé e Station Wagon, Classe G SUV, CLS Coupé, GLA, GLC e GLC Coupé, GLE Coupé e SUV, GLS SUV
  • Morgan – Plus 8, Roadster
  • Nissan – GT-R
  • Porsche – 718 Boxster e Cayman, 911 Coupé, Cabrio, Speedster e Targa, Cayenne e Cayenne Coupé, Macan, Panamera e Panamera Sport Turismo
  • Rolls Royce – Cullinan, Dawn, Phantom, Wraith
  • Ssangyong – Rexton e Rexton Sports
  • Subaru – BRZ
  • Tata – Aria
  • Volkswagen – Touareg

visite 577, 2 oggi