Autobianchi A111: Storia, Caratteristiche e Prestazioni"
autobianchi-A111

Autobianchi A111

L’Autobianchi A111 è stata una berlina prodotta in due serie dalla casa automobilistica italiana Autobianchi tra il 1969 ed il 1972. Questo modello è stato progettato per sostituire la Fiat 1300, offrendo una vettura di classe media con trazione anteriore, seguendo le tendenze dell’epoca.

Il progetto originario, denominato “123”, ideato da Dante Giacosa, mirava a sfruttare la trazione anteriore e le innovazioni spaziali della Autobianchi Primula, testate a partire dal 1964. Tuttavia, a causa dell’opposizione della gestione Fiat, il progetto 123 fu momentaneamente accantonato in favore della più tradizionale Fiat 124 a trazione posteriore.

Nonostante ciò, il progetto 123 non fu abbandonato del tutto, ma fu invece trasformato in base per la creazione di una nuova berlina a trazione anteriore, commercializzata con il marchio Autobianchi come successore della Primula.

La “A111”, nome commerciale della nuova berlina, presentava una meccanica all’avanguardia per l’epoca, con motore anteriore trasversale e sospensioni anteriori a ruote indipendenti. Elementi convenzionali, come l’avantreno a triangoli oscillanti inferiori e il retrotreno ad assale rigido, vennero combinati con soluzioni innovative, come il servofreno Bonaldi e il correttore di frenata al retrotreno.

La carrozzeria era caratterizzata da una forma a tre volumi, con linee squadrate che richiamavano la Fiat 124 ma anticipavano anche la Fiat 128. Particolare attenzione fu dedicata alla sicurezza, con una carrozzeria a deformazione programmata e varie soluzioni per migliorare la protezione degli occupanti.

Il motore era un 4 cilindri con albero a camme nel basamento da 1438 cm³, erogante una potenza di 70 CV DIN, alimentato da un carburatore doppio corpo Weber 32DFB. La trasmissione era manuale a quattro marce sincronizzate. La vettura vantava prestazioni brillanti, con una velocità massima dichiarata di 155 km/h.

Prima Serie (1969-1970):

  • La prima serie dell’Autobianchi A111 è stata introdotta nel 1969 come una nuova berlina di classe media con trazione anteriore.
  • La carrozzeria presentava una forma a tre volumi, con linee squadrate e un design tradizionale.
  • La meccanica includeva un motore anteriore trasversale da 1438 cm³, con una potenza di 70 CV DIN, accoppiato a un cambio manuale a quattro marce sincronizzate.
  • Le sospensioni anteriori erano a ruote indipendenti, mentre quelle posteriori ad assale rigido tubolare, entrambe dotate di molle a balestra semiellittiche.
  • Il sistema frenante prevedeva dischi su tutte e quattro le ruote, con servofreno a depressione.
  • All’interno, erano presenti sedili in panno o skai, inserti in legno sulla plancia, e varie attenzioni alla sicurezza, come la carrozzeria a deformazione programmata.
  • Nonostante le sue caratteristiche moderne, la prima serie non ottenne il successo commerciale sperato a causa di una pubblicità limitata e della concorrenza interna.

Nel 1970 fu introdotta la seconda serie della A111, con alcuni aggiornamenti estetici e interni. Tuttavia, nonostante le qualità stradali della vettura, non ottenne il successo commerciale sperato, a causa di una pubblicità limitata, di un prezzo non particolarmente competitivo e della concorrenza interna, soprattutto dalla Fiat 124 e dalla Fiat 128.

Seconda Serie (1970-1972):

  • La seconda serie dell’Autobianchi A111 è stata introdotta nel 1970 con alcuni aggiornamenti estetici e interni.
  • I gruppi ottici posteriori furono raddoppiati, mentre fu eliminato il profilo cromato dalla griglia d’aerazione sul cofano motore.
  • Gli interni furono migliorati con l’estensione delle finiture in legno anche alle portiere, una plancia ritoccata, e il volante della Fiat 125.
  • Furono apportati anche aggiornamenti tecnici, come lo spostamento del portaoggetti nel sottoplancia davanti al sedile del passeggero, e una leggera modifica alla leva di comando del cambio.
  • Inoltre, la centralina fusibili fu spostata dalla consolle centrale alla posizione Fiat tradizionale sotto la plancia.
  • I paraurti anteriori e posteriori furono ridisegnati senza rostri e con inserto in gomma per migliorare l’aspetto estetico.
  • Nonostante questi miglioramenti, la A111 non riuscì a raggiungere il successo commerciale desiderato e fu ritirata dal mercato nel novembre 1972.
  • Anche se la produzione terminò nel 1972, le immatricolazioni proseguirono fino all’anno successivo, con un totale di poco meno di 58000 esemplari costruiti.

Queste evoluzioni evidenziano gli sforzi della Autobianchi nel migliorare il design e le prestazioni della A111, ma purtroppo non riuscirono a rendere il modello abbastanza competitivo sul mercato rispetto alla concorrenza interna ed esterna.

Di seguito sono riportati i dati tecnici dettagliati della Autobianchi A111 del 1969:

Carrozzeria: Berlina
Posizione motore: Anteriore
Trazione: Anteriore

Dimensioni e pesi:

  • Lunghezza: 4020 mm
  • Larghezza: 1610 mm
  • Altezza: 1345 mm
  • Diametro minimo di sterzata: 10,4 m
  • Interasse: 2363 mm
  • Carreggiate: Anteriore 1360 mm, Posteriore 1305 mm
  • Altezza minima da terra: Non specificata
  • Posti totali: 4+1
  • Bagagliaio: Non specificato
  • Serbatoio: 39 litri
  • Massa in ordine di marcia: 930 kg
  • Massa rimorchiabile: 800 kg

Meccanica:

  • Motore: Fiat tipo 124 BLC.000, 4 cilindri in linea
  • Cilindrata: 1438 cm³
  • Rapporto di compressione: 9,3:1
  • Distribuzione: Aste e bilancieri, 2 valvole per cilindro
  • Alimentazione: Carburatore Weber 32 DFB
  • Potenza: 70 CV DIN a 5400 giri/min
  • Coppia: 11 kg m a 3000 giri/min
  • Frizione: Monodisco a secco con comando idraulico
  • Cambio: Manuale a 4 rapporti sincronizzati

Telaio:

  • Corpo vettura: Scocca metallica autoportante
  • Sterzo: A cremagliera con ammortizzatore di sterzo
  • Sospensioni anteriori: A ruote indipendenti, con bracci oscillanti e molla a balestra semiellittica
  • Sospensioni posteriori: Ad assale rigido tubolare, con molle a balestra longitudinali semiellittiche
  • Freni anteriori: A disco
  • Freni posteriori: A disco con circuito sdoppiato e servofreno a depressione

Pneumatici: Radiali 150 SR 13 o 155 SR 13

Prestazioni dichiarate:

  • Velocità massima: 155 km/h

Questa descrizione dettagliata fornisce un quadro completo delle caratteristiche tecniche e delle prestazioni dell’Autobianchi A111, evidenziando le sue innovazioni e le sfide incontrate sul mercato.

Di https://www.flickr.com/photos/41364417@N04/ – https://www.flickr.com/photos/41364417@N04/3816792419/, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=8878123

    RICERCA PLUS


    Scrivici Città, Regioni, esigenze particolari: