Autobianchi Primula: Storia, Caratteristiche e Motorizzazioni"
autobianchi primula

Autobianchi Primula

L’Autobianchi Primula è stata un’autovettura prodotta dalla casa automobilistica italiana Autobianchi tra il 1964 e il 1970, rappresentando una pietra miliare nell’evoluzione tecnologica del gruppo Fiat.

La genesi della Primula è stata influenzata dall’esperienza del gruppo Fiat con la trazione anteriore e il motore trasversale, una soluzione tecnica innovativa che aveva suscitato qualche preoccupazione dopo un incidente di collaudo nel 1932.

Tuttavia, negli anni sessanta, il progetto Primula, codenominato “Progetto 109”, ha riportato l’attenzione su questa soluzione tecnica, con l’obiettivo di sfruttarne i vantaggi, specialmente su vetture di piccole e medie dimensioni. Il motore 4 cilindri in linea da 1221 cm³ della Fiat 1100 D è stato montato in posizione anteriore trasversale, abbinato a un cambio con sincronizzatore anche per la prima marcia, dando vita alla Primula a trazione anteriore nel 1964.

La Primula si presentava con una linea sobria e razionale, disponibile sia in versione berlina che coupé. La berlina offriva un pratico portellone posteriore o un semplice cofano bagagli, con configurazioni a 2, 3, 4 o 5 porte, mentre il modello coupé presentava un design più sportivo e dinamico, disponibile solo con 2 porte.

Nonostante il design “fastback” del portellone posteriore fosse poco apprezzato in Italia, ha ottenuto successo soprattutto in Francia, aggiungendo versatilità d’uso alla vettura.

Dal punto di vista tecnico, la Primula offriva prestazioni solide, con un motore da 59 CV che garantiva una buona accelerazione, supportato dalla trazione anteriore e dalle sospensioni anteriori a ruote indipendenti MacPherson. Inoltre, la Primula è stata la prima vettura del gruppo Fiat a introdurre lo sterzo a cremagliera.

Nel 1968, la Primula è stata sottoposta a un restyling, con aggiornamenti alla mascherina anteriore e agli interni della berlina, e un ridisegno completo della coda del coupé. Le motorizzazioni sono state potenziate con l’adozione dei motori della Fiat 124, portando la potenza massima a 75 CV per la versione coupé.

La produzione della Primula è terminata nel 1970, con l’introduzione della sua erede spirituale, l’A111. Nel corso dei suoi sei anni di produzione, sono stati prodotti complessivamente 74.858 esemplari della Primula nello stabilimento di Desio.

Ecco l’elenco completo delle versioni della Primula e le loro specifiche tecniche:

Versioni:

  • Berlina 3 porte (1964 – 1968)
  • Berlina 2, 4 e 5 porte (1965 – 1968)
  • Coupé (1965 – 1968)
  • Berlina 65C 2, 3, 4 e 5 porte (1968-1970)
  • Coupé S (1968-1970)

Motorizzazioni:

  • Motorizzazione della Primula 1200 Berlina (1964 – 1968):
  • Origine motore: Fiat 1100 D disposto trasversalmente
  • Architettura: 4 cilindri in linea
  • Cilindrata totale: 1221 cm³
  • Alimentazione: 1 carburatore monocorpo
  • Distribuzione: aste e bilancieri con comando mediante catena duplex, 1 albero a camme laterale, 2 valvole per cilindro
  • Potenza massima: 59 CV a 5600 giri/minuto
  • Coppia massima: 9,5 kgm a 3200 giri/minuto
  • Raffreddamento: ad acqua con ventola a comando elettrico automatica mediante termostato
  • Lubrificazione: forzata
  • Motorizzazione della Primula 1200 Coupé (1965 – 1968):
  • Stesse caratteristiche della motorizzazione della 1200 Berlina, tranne:
  • Alimentazione: 1 carburatore a doppio corpo ad apertura sincronizzata (Solex C32PHH)
  • Potenza massima: 65 CV a 5400 giri/minuto
  • Coppia massima: 9.6 kgm a 3100 giri/minuto
  • Motorizzazione della Primula 1200 65 C Berlina (1968 – 1970):
  • Stesse caratteristiche della motorizzazione della 1200 Berlina, tranne:
  • Origine motore: Fiat 124
  • Cilindrata totale: 1197 cm³
  • Alimentazione: carburatore doppio corpo ad apertura sincronizzata Weber 32 DFB
  • Potenza massima: 65 CV a 5600 giri/minuto
  • Coppia massima: 8,9 kgm a 3400 giri/minuto
  • Motorizzazione della Primula 1400 Coupé S:
  • Stesse caratteristiche della motorizzazione della 1200 65 C Berlina, tranne:
  • Cilindrata totale: 1438 cm³ (Fiat 124 Special)
  • Potenza massima: 75 CV a 5800 giri/minuto
  • Coppia massima: 11,1 kgm a 4000 giri/minuto

Caratteristiche tecniche:

  • Sospensioni anteriori: a ruote indipendenti, bracci oscillanti e balestra trasversale semiellittica
  • Sospensioni posteriori: ad assale rigido con balestre semiellittiche
  • Ammortizzatori: idraulici telescopici a doppio effetto
  • Freni: dischi anteriori/posteriori
  • Sterzo: a cremagliera

Trasmissione:

  • Trazione: anteriore
  • Cambio: manuale a 4 rapporti
  • Frizione: monodisco a secco a comando idraulico autoregistrante

Carrozzeria:

  • Tipologia: berlina a 2 volumi 2, 3, 4 e 5 porte e coupé 2 volumi e 2 porte
  • Scocca: autoportante

Di Zairon – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=114299296

    RICERCA PLUS


    Scrivici Città, Regioni, esigenze particolari: